Una difficile quotidianità. Il racconto di un disabile

La quotidianità costruita su tassello dopo tassello di piccoli gesti, che rientrano nella routine di tutti i giorni: salire le scale, aspettare il bus, sedersi sul treno e così via. Quello che però è scontato e “normale” per la maggior parte, non bisogna credere lo sia per tutti. Qualche giorno addietro, Andrea Besio, ragazzo disabile che per anni ha vissuto in Valle e ora abita a Cadibona, si è recato dalla fermata della corriera per raggiungere Savona. Non è riuscito a salire sull’autobus. Perchè? L’autista non ha posizionato la pedana, dicendo che il ragazzo in carrozzella dovrebbe essere accompagnato per i viaggi in pulman. «Questa è falso: io non sono obbligato a essere accompagnato per salire su un autobus», sbotta Andrea che racconta: «Spostarsi con i mezzi pubblici è un dramma: per poter accedere al treno devo contattare Trenitalia almeno 24 ore prima, spiegare le mie esigenze e solo allora mi viene indicata la stazione di partenza e di destinazione, in modo che sia possibile per loro montare il necessario per farmi salire e scendere. Ma non tutto è così facile come sembra: se io desiderassi scendere ad Albisola, ad esempio, mi sarebbe negato nonostante l’”avvertimento”: Albisola non è attrezzata per i disabili». Stesso discorso per l’accesso ai luoghi pubblici in Valle Bormida, dove nessun comune eccelle, infatti Andrea spiega: « Fra i bar, pub, ristoranti valbormidesi, un numero risibile è strutturato per accogliere i disabili. Riguardo gli uffici pubblici sarebbe quasi meglio non parlarne: il municipio di Carcare e di Dego hanno le scale e nessun ascensore, così come fino a qualche anno fa gli uffici dell’Asl di Carcare, solo da poco è presente il montacarichi». Una situazione deprimente in effetti, che scivola fra l’indifferenza generale. Andrea, però, non si arrende e afferma: «Conosco altri ragazzi disabili che, date le difficoltà a spostarsi e ad accedere al luoghi pubblici, rinunciano: io non sono d’accordo, lavoro, pago le tasse e mi intestardisco, telefono per ottenere un servizio che mi spetta».

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *