I “Soldati” di Rossella Bisazza

Soldati. Un titolo forte, per una mostra altrettanto potente. Probabilmente molti di quelli che varcheranno la soglia della sala espositiva del Palazzo di Città storceranno il naso, oppure si domanderanno “Dove sono capitato? Questa non è di certo un mostra sulla guerra!”. Effettivamente, all’apparenza, sembra non esserci alcun riferimento al conflitto, ma se ci si sofferma per qualche secondo ad osservare attentamente i soggetti rappresentati, si ci accorge che all’interno di ogni opera sono descritte le più silenziose e tragiche battaglie di sempre: mute lotte individuali che consciamente ed inconsciamente ognuno combatte quotidianamente. “Il titolo dell’opera – ha affermato Rossella Bisazza durante l’inaugurazione della mostra venerdì scorso – vuole essere solo uno spunto per una personale riflessione. Ciascuno è libero di interpretare come meglio crede l’opera. Io stessa, mentre dipingevo, rivi- vevo ricordi ed emozioni, completamente di- verse dalle vostre: un mio conflitto potrebbe essere identico ad uno dei vostri, ma sicuramente vissuto in modo differente”. “Un’artista di talento, che ha sempre saputo cogliere il segno. Pittrice figurativa, contemporanea ed estremamente attuale, che affronta tematiche complesse con straordinaria semplicità – ha concluso Bruno Barbero, durante la presentazione – Una mostra in divenire che farà riflettere a lungo.” «Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io. Vivi i miei dolori, i miei dubbi, le mie risate. Vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io.» Come attestava Pirandello, senza peccare di presunzione, l’artista invita i fruitori a visitare la mostra con cautela, senza ricorrere a giudizi affrettati, immedesimandosi nell’opera ed al contempo comprendere le difficoltà che i suoi simili affrontano giornalmente. La mostra resterà visibile al pubblico sino a Domenica 5 Marzo, dal Lunedì al Venerdì dalle ore 17:00 alle ore 20:00, il Sabato e la Domenica dalle 16:00 alle 20:00.

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.