Pro Loco Murialdo, soggiorno romantico in Germania

Si scrive Pro Loco Murialdo, in tedesco si legge «eldorado del gourmet». D’altronde sono queste le parole spese dal giornale teutonico “Trierischer Volksfreund”. E con buoni motivi: menù a base di pasta al ragù, aglio olio e peperoncino e al pesto, Nebbiolo e Barbera. 45 kg di pastasciutta consumati (già al terzo giorno sono finite le scorte) e uno stand stracolmo sono l’orgoglio del piccolo antro murialdese alla Festa del Vino Romano di Schweich. Senza contare gli ospiti d’eccezione: oltre all’ex borgomastro Harald Bartos e al sindaco di Treviri, ha fatto la sua comparsa Katarina Barley, segretario del Partito Socialdemocratico Tedesco e braccio destro di Martin Schulz. Serate di successo, condite dalla fisarmonica e da canti murialdesi (“Siam di Murialdo”, dirige il maestro Corrado Olivieri) e tedeschi, quale il singolare “Oh Mosella” di Helmut Schneider, tifoso biancoblu di Amburgo, Eintracht e Schweich. Pienamente soddisfatti i ragazzi della Pro Loco:«E’ stato bello e faticoso. Ci siamo divertiti e abbiamo lavorato sodo, la ricompensa più importante è stata l’affluenza copiosa e il constatare che i legami d’amicizia si sono rafforzati. Gli amici tedeschi si sono dimostrati ancora una volta di squisita ospitalità, l’affetto e la gratitudine che nutriamo nei loro confronti sono incommensurabili. Sarebbe bello partecipare ogni anno, daremo il cento per cento per ripagarli l’anno prossimo, quando verranno loro in Italia. Sempre orgogliosi del nostro lavoro». Di seguito i nomi dei nostri eroi alle cucine: Romano Mossio (presidente), Rebecca e Rachele Mossio, Stefano Pontoglio, Mattia Olivieri, Michele Santero, Federica ed Eleonora Melogno, Federico Maron, Carola Salvetto e Roberto Melogno.

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *