Prelati

Si sa i giornalisti hanno molte pecche; talvolta non verificano le notizie, sono invadenti, in altri casi sono vittime dei poteri forti e si piegano ai loro voleri e non sono obiettivi, manipolando per piaggeria la verità che stando a Luigi Pirandello è “una, nessuna e centomila”. Questo per la categoria dei giornalisti; veniamo alla Chiesa o per meglio essere esatti ad alcuni prelati che non si fanno mancare nulla anche in fatto di bon ton;recentemente, a Cagliari, monsignor Giuseppe Mani, nel corso di un’intervista con un cronista dell’Unione Sarda che lo interpellava in merito alle vicende che da qualche tempo scuotono la diocesi cagliaritana anche in fatto di abusi sessuali su ragazzini e di lotte fra i poteri della gerarchia ecclesiastica si è lasciato andare a frasi, irreverenti e da codice penale, definendo il giornale sardo “un porcaio” e altre del tipo “va a morì ammazzato”. se il messaggio evangelico è questo, probabilmente, bisognerà aggiornarlo! La verità sugli abusi sessuali può essere scomoda per la Chiesa, ma prendersela con i giornalisti è…vergognoso e non risolve il problema.

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *