Ponte di Brigneta: ci siamo!

ALLUVIONE A poco più di un anno il calvario sta per finire, il sindaco:«Inizio lavori in 30 giorni».

 Più che in fondo al tunnel, la luce si intravede al di là del Bormida per gli esuli di loc. Brigneta: il ponte crollato a novembre 2016, ultimo lascito dell’alluvione, tornerà come nuovo. L’atto risolutivo è del Comune, che ha appaltato i lavori di ricostruzione. Ne dà conferma il sindaco Franca Mattiauda:«Finalmente siamo all’ultima tappa. La gara d’appalto è arrivata alla sua sintesi, dopo l’iniziale interesse di una cinquantina di aziende. Ora attendiamo esclusivamente i tempi tecnici: trenta giorni e vedremo i braccianti all’opera». Impresa aggiudicataria dei lavori: la SAM spa di Monforte d’Alba con Trecolli spa di Fidenza. La struttura sarà a doppio senso di marcia, con due marciapiedi. Un traguardo significativo nella riparazione dei danni post-alluvione:«Con questa abbiamo ovviato alle urgenze – continua la Mattiauda – rimangono ancora i problemi di carattere ambientale, che hanno subito una ricaduta durante il gelicidio di dicembre. Il Comune sta preparando diverse ordinanze, presto interverremo in maniera mirata ed estesa». L’operazione è stata finanziata dalla Regione con un contributo di 270 mila €, sbloccato a dicembre 2016. A Febbraio 2017, invece, l’inizio dell’iter burocratico, con il primo progetto di fattibilità tecnica ed economica. Il crollo aveva isolato più di 40 persone, procurando ingenti disagi di collegamento. Soprattutto alle due aziende agricole locali, impossibilitate all’approvvigionamento e al contatto con i clienti. In assenza di soluzioni immediate, era stata approntata in via provvisoria una passerella dal sapore agrodolce: la percorribilità era garantita solo ai pedoni. Oggi il primo spiraglio verso il lieto fine, un altro tassello per il “parco ponti” d’Alta Valle, dopo le ultime notizie sul guado di Murialdo.

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.