Introduzione alla filosofia medievale e rinascimentale

Conclusa la grande parabola della filosofia greca ed ellenistica, iniziò il periodo medievale, caratterizzato dalla spinta delle tre grandi religioni monoteiste. Soprattutto il cristianesimo influenzò molto il pensiero di quest’epoca: infatti, dopo l’avvento di Cristo, la speculazione filosofica si spaccò tra la corrente che tentava di conciliare fede e filosofia e quella che si concentrava sull’attacco alla religione. Una cosa è certa: non sarebbe più stato possibile filosofare senza tener conto della dottrina cristiana. La prima grande espressione filosofica immediatamente successiva a Cristo fu la Patristica, ossia la produzione dei Padri della Chiesa, i quali criticarono le dottrine tradizionali e lavorarono per costruire un vero pensiero cristiano. Successivamente, con l’opera di Sant’Agostino, con le sue “Confessioni”, e di San Tommaso, il filosofo delle Sette Prove dell’Esistenza di Dio, il pensiero cristiano raggiunse vette eccezionali. Fu però la filosofia detta Scolastica a rappresentare il pensiero cristiano per antonomasia, con il suo imponente tentativo di conciliazione con le dottrine greco-ellenistiche. Con la fine del Medioevo e l’inizio del Rinascimento, si assistette ad un sostanziale ritorno del Neoplatonismo, portato in Europa dai cosiddetti “dotti bizantini” in arrivo soprattutto dopo la caduta di Costantinopoli nel 1453, in parallelo ad un nuovo Aristotelismo, culminato con la Scuola di Padova di Pietro Pomponazzi. Nel frattempo, o in epoca immediatamente successiva, Machiavelli stava scrivendo il suo “Principe”, Moro e Campanella immaginavano le loro utopie, Jean Bodin introduceva il concetto politico di sovranità, Giordano Bruno immaginava un dio coincidente con la natura, Galileo compilava con rigore il suo metodo scientifico… Insomma, è qui, nel lunghissimo periodo che parte dalla fine del medioevo e arriva al tardo Cinquecento, che furono messe le basi della futura società moderna.

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *