Commemorazione di Giovanni Vassallo, salvò una bambina durante un rastrellamento nazifascista
Cultura

Commemorazione di Giovanni Vassallo, salvò una bambina durante un rastrellamento nazifascista

Giovedì 7 ottobre alle ore 10, la sezione Anpi di Carcare ha commemorato il signor Giovanni Vassallo, nato ad Osiglia, classe 1899, civile, catturato dopo aver messo in salvo una bambina durante un rastrellamento nazifascista nel 1944 e deportato insieme ad altri compaesani nel sottocampo di Überlingen.

La cerimonia si è svolta nel cimitero di Carcare, sulla lapide della moglie è stata posta una piastra a ricordo del signor Vassallo, deceduto in prigionia nella primavera del 1945, sepolto dapprima in fossa comune e in seguito nel cimitero del campo di Birnau dove si trova tuttora.

La commemorazione, fortemente voluta dall’Anpi e dall’Aned, si è svolta con compostezza ed emozione. È stata letta l’unica lettera che il prigioniero riuscì a far pervenire alla famiglia.

Nello scritto, segno della sua presenza nel momento del ricordo, il prigioniero esprime lo sgomento per la propria sorte e per quella dei propri famigliari. Si sono susseguiti alcuni interventi di rappresentanti Anpi e dell’Assessore Comunale Enrica Bertone, volti a mettere in risalto le persecuzioni e ogni sorta di sofferenza e prevaricazione subite  delle persone coinvolte nella Seconda Guerra Mondiale, nella Resistenza e nella Deportazione.

Si è ribadito il rifiuto di ogni violenza e razzismo e la necessità di attuare le libertà fondamentali, il rispetto di ogni diversità, la solidarietà e la pace, così come sanciti dalla nostra Costituzione.

La cerimonia si è conclusa con un momento di preghiera e con la benedizione impartita al defunto dal parroco Padre Italo.

A.N.P.I. sezione di Carcare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X