Biagini passa in maggioranza

Attilio Biagini dice addio alla minoranza e “passa” alla maggioranza. Ecco il terremoto che ha scosso la politica cairese, soprattutto in casa “Il Comune di Tutti”, gruppo consiliare guidato da Felice Rota. Un vero e proprio fulmine a ciel sereno anche se, la politica cairese, non è estranea ai “cambi di casacca”, basti pensare al consigliere Giovanni Ligorio, che a suo tempo abbandonò la maggioranza ma che, ad oggi, si è defilato dal gruppo politico di minoranza.
É da tempo, infatti, che non si vede più Ligorio ai consigli comunali, così come è vero che l’ultima interrogazione presentata dalla minoranza su Technogreen  non portasse la sua firma.
Un nuovo scossone, con il consigliere che motiva così la sua scelta: «Nel corso di questi anni rispetto alle azioni promosse dal Gruppo di Opposizione, ho avuto modo di maturare posizioni più allineate alle politiche e alle scelte programmatiche del gruppo di Governo, di apprezzarne la responsabilità, la coerenza e il rigore politico e di valutare la credibilità di obiettivi raggiunti.- prosegue- Ho anche avuto modo di riconoscere la ponderatezza con cui sono stati trattati temi particolarmente complessi come il sistema sanitario in Valle Bormida e la difesa del diritto alla salute e alla qualità della vita del cittadino. Inoltre ho constatato la capacità di controllo e riqualificazione della spesa pubblica e apprezzato le azioni mosse in tema di politiche giovanili, di modernizzazione della città, di controllo e pianificazione dello sviluppo urbanistico, di tutela ambientale con particolare riferimento alla gestione del servizio “porta a porta” per la raccolta dei rifiuti». Il gruppo della minoranza, guidato da Felice Rota, non tarda a rispondere: «Siamo rammaricati di apprendere dagli organi di stampa, anziché personalmente dal diretto interessato, che il consigliere Attilio Biagini da oggi non soltanto non farà più parte del nostro gruppo, ma addirittura con un mega salto della quaglia si andrà ad accomodare tra i banchi della maggioranza. Restiamo allibiti e sconcertati da questa decisione incomprensibile in quanto nei quattro anni di opposizione condivisa, mai abbiamo avuto sentore di alcun malessere da parte sua» e, senza mezzi termini, definiscono il gesto «Il massimo dell’incoerenza politica».
La replica poi si fa man mano sempre più dura e i toni si accendono: «Prendendo atto dell’amore, covato da anni e solo oggi palesato, tra Biagini e il nostro Sindaco, restiamo basiti quando leggiamo nel suo comunicato stampa che “ha particolarmente apprezzato come l’Amministrazione abbia trattato il tema della sanità in Valbormida, la difesa al diritto alla salute ed alla qualità della vita dei cittadini”- e concludono- Dispiaciuti del travaglio interiore di Biagini in questi anni al nostro fianco, sarebbe bastato un po’ di coraggio in più e fare outing molto tempo prima e nessuno del nostro gruppo gli avrebbe fatto alcuna pressione per tenerlo lontano dalla maggioranza». Se la minoranza “sputa fuoco e fiamme”, la maggioranza apprende di buon grado la decisione, definendosi soddisfatta e infatti, il portavoce del capogruppo di maggioranza, Matteo Pennino afferma: «Siamo felici di questo rientro in casa, Attilio è un esponente politico con cui è facile pensare a collaborazioni future fruttuose».
A questo punto è lecita una domanda: con il caso Biagini è andato in scena il primo atto in vista delle elezioni amministrative 2017?
All’orizzonte si profila un secondo atto, infatti si mormora che il consigliere di minoranza Giovanni Ligorio si presenterà alle elezioni con una propria lista.
Non ci resta che attendere e vedere quali altri “colpi di scena” ci saranno da qui al prossimo maggio.

Articoli correlati

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.