Bormida: 2000€ per i nuovi residenti

Novità e iniziative a Bormida: così l’amministrazione gestisce il territorio. Entro breve periodo verrà emesso il bando che metterà in affitto tre nuovi alloggi a tariffa agevolata. Il costo sarà di cinquanta euro al mese per alloggio e avranno la precedenza, ovviamente, le famiglie in difficoltà. Iniziativa che era già stata sperimentata nel 2014 e che ha portato agevolazione a molti nuclei familiari. Ad oggi si registrano 394 abitanti a Bormida, tenendo in considerazione quattro nascite contro circa cinquanta decessi e aggiungendo chi si è spostato. Mentre in totale sono tredici le famiglie che usufruiscono degli affitti agevolati: sei famiglie usufruiscono dell’affitto di cinquanta euro, le restanti sette riescono a occupare gli appartamenti un po’ più grandi che arrivano a costare cieca cento
euro. È di questa settimana, inoltre, l’idea del primo cittadino di proporre una nuova iniziativa per incrementare il numero di abitanti bormidesi entro il 2018: «È un’idea che voglio proporre alla giunta comunale. Vorrei agevolare chi prende residenza a Bormida per poter aumentare il numero di abitanti» spiega il sindaco di Bormida Daniele Galliano: «La proposta prevede di elargire un contributo fino a duemila euro per chi presenta regolare contratto di affitto o di acquisto di un immobile nel nostro Comune. La cifra da elargire verrà decisa in base ad alcuni criteri, per esempio il numero dei componenti familiari». E ancora, l’iniziativa proposta dalla Regione per aiutare le attività registra a Bormida ben due adesioni: la macelleria e un negozio di frutta e verdura. Il bando era suddiviso in tre parti: si poteva chiedere un contributo per la ri
strutturazione edile dei muri dell’attività, oppure acquisto di macchinari adeguati per l’esercizio commerciale o, ancora, acquisto approvvigionamento di scorte di materiali da rivendere. Le due attività hanno chiesto il contributo edile e hanno tutto l’anno per poter eseguire i lavori. Una delle due attività su ventimila euro massimo da richiedere ne ha ottenuti diecimila e l’altra attività su seimila euro ne riceverà tremila. Il tutto per confermare il buon lavoro svolto dall’amministrazione, come ha dimostrato il bilancio 2017: il nuovo metodo di raccolta differenziata “porta a porta” spinto ha consentito di effettuare una riduzione del 28%; il bilancio dovrebbe permettere le risorse per asfaltare alcune strade, acquistare un trattore con trincia erba, la costruzione di nuovi loculi e la sostituzione delle ultime 100 lampade rimaste con luci a LED

Articoli correlati

Un Commento

Lascia un Commento
  1. Johan Vargas
    Mag 09, 2017 - 07:34 AM

    Yo voy!

    Rispondi

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *