Leggende e antichi sentieri nelle terre dei Del Carretto

Leggendo il titolo di questo articolo vi starete già chiedendo: “Che cosa avrà a che fare Bormida, piccolo paese della Valbormida, con i sentieri Carretteschi? E poi, che cosa sono questi sentieri prima di tutto? A dare una risposta a queste domande ci ha pensato il sindaco di Bormida, Daniele Galliano, uno dei promotori e sostenitori di questo importante progetto. Spiega infatti Galliano: “Questo progetto delle Vie dei Feudi Carretteschi mi è stato presentato dapprima dal signor Franco Ferrari di Genova, e poi in seguito ho avuto il piacere di conoscere il cartografo che sta realizzando le piantine che indicheranno le varie tappe di questo cammino, ovvero Giorgio Mazzarello; e io ho subito accolto con grande entusiasmo questa proposta, che sono certo valorizzerà ancor di più dal punto di vista turistico Bormida ma anche la Valbormida stessa”. L’itinerario Carrettesco, così denominato per via del fatto che ricalca un antico tracciato storico che univa i feudi dei Del Carretto, i signori del Marchesato del Finale, è formato da nove tappe, per un totale complessivo di 168 Km: si parte da Finale Ligure per arrivare fino a Santo Stefano Belbo. Le zone della Valbormida interessate saranno Bormida, che allestirà un punto di riposo e ristoro, Osiglia, Pallare, Plodio, Millesimo (altro punto di ristoro e pernottamento), infine Cosseria, Cengio, Cairo M.tte e Saliceto, dove ci si potrà nuovamente fermare per riposarsi oltre che rifocillarsi. “Da qui in poi – illustra il sindaco – si potrà proseguire l’itinerario in Piemonte, toccando quindi, oltre a Saliceto appunto, anche i comuni di Gottasecca, Prunetto, Bergolo, Cortemilia, Castino ed infine Santo Stefano Belbo, il punto di arrivo”. Si è anche parlato di un possibile collegamento all’antica via salaria nell’imperiese. È stato inoltre chiesto un finanziamento ad un ente francese, il progetto ALCOTRA, che garantirà la somma di 400.000€, da dividere tra i vari comuni valbormidesi, in base al numero di chilometri da coprire. Conclude Galliano: “Abbiamo ricevuto molte adesioni dagli altri sindaci valbormidesi, che sono presenti quasi sempre alle riunioni che convochiamo qui nel nostro municipio. Diciamo che il grosso dei lavori sarà da affrontare qui in Valbormida, poiché da Saliceto in poi i sentieri sono già tutti percorribili. Io e il consigliere Walter Baccino, che porta avanti con me questo progetto, ci auguriamo vivamente che per l’estate del 2016 i sentieri siano percorribili anche qui, diventando così fruibili a quanti lo desidereranno, in bici, ma anche a cavallo e in carrozza, vietando ovviamente il transito di autoveicoli e moto”. Si attendono quindi novità dalle prossime riunioni, per quello che sarà un progetto interessante e davvero ambizioso per la promozione turistica del nostro territorio.

Articoli correlati

  1. Giuseppina Francone
    Mag 11, 2015 - 10:17 PM

    Progetto molto bello; mi auguro che si possa realizzare. Bravo il Geom. Galliano, sindaco di Bormida, pieno di iniziative per il Suo territorio e per la Sua gente.

    Rispondi
  2. Giuseppina Francone
    Mag 11, 2015 - 10:21 PM

    bellissima iniziativa. Speriamo che si possa realizzare. Encomio al geom. Galliano , sindaco di Bormida, molto vicino alla sua gente ed al suo territorio

    Rispondi

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.